itenfrdejaptrorues

  Visitatori:

Archivio News

PAESAGGI UMANI: IL NUOVO CALENDARIO DEL PARCO CELEBRA L’UOMO E IL SUO LEGAME ALLA TERRA

Il 2021 un anno in ascesa: numerosi i traguardi raggiunti a partire dal sì della Regione alla perimetrazione delle Aree Contigue
Nel 2022: turismo sostenibile, conservazione della biodiversità e promozione del patrimonio geologico per entrare nella rete dei Geoparchi UNESCO

Gravina in Puglia, 21 dicembre 2021. Un anno di conquiste, alleanze ed eventi memorabili ha segnato la storia del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Nonostante la crisi pandemica, il 2021 ha registrato importanti traguardi per l’intero territorio murgiano, come l’attesa approvazione da parte della Regione della perimetrazione delle Aree Contigue e il suo sostengo alla candidatura del Parco a Geoparco UNESCO.

AL VIA LA FASE 2 DELLA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE (CETS)

Il 23, 29 e 30 novembre la presentazione nelle masserie del Parco del marchio legato alla sostenibilità
 
Gravina in Puglia, 22 novembre 2021. Al via ufficiale nel Parco dell’Alta Murgia la fase 2 della Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) per certificare le aziende nell’area protetta con il marchio legato alla sostenibilità in ambito turistico. Il percorso per ottenere la certificazione verrà illustrato in un ciclo di incontri di presentazione in programma il 23, 29 e 30 novembre nelle masserie del Parco, rivolti rispettivamente alle aziende dell’ospitalità e dell’accoglienza turistica, alle imprese che erogano servizi di fruizione, conoscenza e visita del Parco e agli operatori di agriturismi, masserie e boschi didattici che erogano servizi turistici di promozione del territorio.

15 REGOLE PER UN’ESCURSIONE SICURA

IL PARCO DELL’ALTA MURGIA PRESENTA IL VADEMECUM DELL’ESCURSIONISTA
 
Quindici regole base per godere del Parco in sicurezza e mantenere integro nel tempo il suo prezioso patrimonio naturale.

CARDONCELLO ON THE ROAD

Torna l’evento itinerante che celebra il prodotto principe della tradizione contadina murgiana
 
Gravina in Puglia, 4 novembre 2021. Piazze e vicoli storici dei comuni del Parco si preparano ad accogliere “Cardoncello on the road”, la sagra itinerante che ogni autunno celebra il prodotto principe della tradizione contadina murgiana. Il fungo cardoncello sarà protagonista di diversi weekend all’insegna del folklore, per valorizzare e far conoscere le produzioni locali dell’Alta Murgia preparate secondo antiche tradizioni.
 

IL PARCO DELL’ALTA MURGIA HA FINALMENTE IL SUO PIANO DI PREVISIONE, PREVENZIONE E LOTTA ATTIVA CONTRO GLI INCENDI BOSCHIVI APPROVATO DAL MITE

Nel 2021 sono 12 gli incendi e passano da 324 a 135 gli ettari di bosco bruciati dal fuoco 
Con il programma “Parchi per il clima” candidati 5 boschi a interventi di messa in sicurezza 
 
Gravina in Puglia, 21 ottobre 2021. In un’estate dal caldo record e segnata da lunghi periodi di siccità, il sistema di prevenzione e spegnimento incendi attuato dal Parco dell’Alta Murgia ha permesso di contenerne il numero e la relativa superficie boscata percorsa dal fuoco. Dai rilievi effettuati dal Reparto Carabinieri Parco, infatti, sono 12 gli incendi da giugno a settembre scorso e che hanno interessato in totale 135 ettari di bosco: un dato inferiore rispetto al 2020 in cui gli ettari bruciati si attestano a 324. A rivelarsi efficace, la sinergia tra più forze in campo che hanno pattugliato di continuo il territorio e spento sul nascere numerosi focolai, spesso di natura dolosa.
 

CON LO SLOGAN “RACCOGLI RIFIUTI. SEMINA CIVILTÀ” TORNA LA CAMPAGNA AMBIENTALE PROMOSSA DAL PARCO DELL’ALTA MURGIA

TRA LE INIZIATIVE DI PUNTA UNA RACCOLTA STRAORDINARIA DI PNEUMATICI FUORI USO E LA RIMOZIONE DI CARCASSE DI AUTO DALLA GRAVA DI FARAUALLA
 
Gravina in Puglia, 8 ottobre 2021. Con una nuova veste grafica e lo slogan Raccogli rifiuti. Semina civiltà torna Alta Murgia Pulita, l’annuale campagna che contrasta l’abbandono dei rifiuti e sensibilizza i cittadini su una loro corretta gestione, restituendo decoro ai territori con il contributo di decine di volontari.

EMERGENZA CINGHIALI: DOPO UN AMPIO CONFRONTO CON LE ASSOCIAZIONI AGRICOLE IL PARCO DELL’ALTA MURGIA APPROVA I NUOVI CRITERI PER L’INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA

Gravina in Puglia, 23 settembre 2021. Il Parco Nazionale dell’Alta Murgia ha approvato, con l’avvallo del MiTE, sostanziali modifiche al regolamento per l’indennizzo danni da fauna, con nuovi criteri e requisiti elaborati in sinergia attiva con le associazioni agricole tra cui Coldiretti, Confagricoltura, CIA e Copagri. È il primo importante aggiornamento dall’adozione del regolamento a oggi, datata 2008. Nell’ambito della strategia di gestione cinghiali è un ulteriore tassello che va incontro alle esigenze degli agricoltori, i più colpiti da un’emergenza che colpisce l’Italia da nord a sud.

VISITA IL PARCO IN OCCASIONE DEL CONCERTO DI LUDOVICO EINAUDI

In occasione dell’atteso concerto di Ludovico Einaudi, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia ha organizzato quattro giorni di escursioni per visitare alcuni tra i luoghi suggestivi del territorio e in particolare quelli nelle vicinanze del concerto. Le escursioni sono rivolte a tutti, ma soprattutto a chi raggiungerà l’evento da fuori città o regione e vorrà approfittarne per conoscere l’incantevole Alta Murgia, in compagnia delle guide ufficiali del Parco.

TARTUFO, UNA RISORSA PER ALTA MURGIA

Un progetto di ricerca punta a valorizzare il pregiato fungo ipogeo
 
Gravina in Puglia, 6 luglio 2021. Un progetto scientifico per valorizzare le specie di tartufo presenti nel Parco dell’Alta Murgia, in Italia tra le zone più ricche del pregiato fungo ipogeo. L’Ente Parco e il Di.S.S.P.A, il Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti dell’Università di Bari, hanno firmato la convenzione di ricerca “Il tartufo nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia”, per individuarne le specie, stimarne le produzioni e valutare le possibili ricadute sugli ecosistemi delle aree di raccolta. Un progetto le cui finalità sono state condivise a monte con l’assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia e i cui risultati serviranno anche a stabilire le modalità di raccolta, in un’ottica di sostenibilità ambientale.